L’aloe vera è comunemente coltivata come pianta d’appartamento. Essa ha guadagnato il consenso della gente perché il gel delle sue foglie vale come un balsamo lenitivo per la pelle. Anche se alcune persone sono effettivamente irritate dal gel. Ma come coltivare l’aloe vera?

Ci sono oltre 300 specie di aoe vera, ma quella più comunemente coltivata come pianta d’appartamento è l’ Aloe barbadensis. Ha foglie spesse e succulente che si riempiono di un gel acquoso. Le foglie crescono dalla base della pianta, in una rosetta, e hanno bordi frastagliati con spine flessibili.
 
I fiori appuntiti appaiono su alti steli, nei toni del giallo, arancio e rosso. Le piante giovani generalmente non fioriscono e l’aloe coltivata come pianta d’appartamento può richiedere anni per produrre un gambo di fiore.

La dimensione delle piante mature e l’esposizione solare

Le piante crescono a circa 2 centimetri. Quelle in vaso infatti non diventano grandi come le piante cresciute nel terreno.

Per quanto concerne l’esposizione solare, l’aloe va tenuta all’aperto, al sole pieno e con ombra parziale. Mentre, in caso di ambientazione interna, essa richiede luce intensa. Troppo caldo e troppo sole cocente tuttavia, possono bruciare le foglie e dare alla pianta un aspetto spigoloso.

Circa poi la fioritura, essa avviene in tarda primavera o anche verso l’inizio estate. Le piante devono essere abbastanza mature per iniziare a fiorire e non possono fiorire ogni anno se le foglie vengono raccolte.

Suggerimenti per la coltivazione di aloe vera

Sebbene l’aloe possa sopportare un breve gelo, può essere coltivata con successo all’aperto nelle zone molto calde. Qui la difficoltà sta nel controllare l’acqua. L’aloe può stare per mesi senza acqua, tant’è che troppa pioggia farà marcire le radici.

Per cui si consiglia di non dare alle piante alcuna acqua supplementare durante la stagione in cui sono frequenti le piogge. La maggior parte delle piante rimane dormiente in inverno e non richiede alcuna acqua, a condizione di aver ricevuto acqua sufficiente durante la stagione vegetativa. Se il clima è piovoso durante l’inverno, considerare la possibilità di piantare l’aloe in ghiaia o pietre.

Far crescere l’aloe vera in vaso, in casa o fuori

Quando la si pianta a terra, il suolo deve essere ben drenante. Nel suo habitat naturale, l’aloe cresce generalmente sui pendii per garantire un buon drenaggio. Per garantire il drenaggio in un vaso invece, si può usare uno speciale terriccio di cactus o mescolare in una perlite o sabbia grossolana e creare il mix.

Come già anticipato, l’aloe è in grado di gestire bene la siccità, ma preferisce essere annaffiata regolarmente, lasciando asciugare completamente il terreno tra un’annaffiatura e l’altra. Se la pianta viene lasciata asciutta troppo a lungo, le foglie si arricciano e si increspa leggermente. Si riprenderanno quando saranno annaffiati, ma lo stress prolungato o troppa siccità o troppa acqua faranno sì che le foglie ingialliscano e muoiano.

Prendersi cura della pianta di aloe vera

L’aloe vera non richiede un’alta fertilità del suolo. Tant’è che il fertilizzante va messo una volta all’anno, in primavera, e si può usare quello di una pianta d’appartamento: dovrebbe essere sufficiente.
 
L’aloe vera può essere propagata per seme o rimuovendo e invasando le compensazioni che si sviluppano alla base della pianta. Interrompere quindi ogni diramazione, assicurando che vi siano delle radici attaccate a ciascun pezzo per poi reimpiantare le derivazioni separatamente.

La pianta ha un apparato radicale piuttosto superficiale che ama stendersi vicino alla superficie. Man mano che la pianta cresce e ha bisogno di essere rinvasata, meglio trasferirla in un vaso più largo, piuttosto che in uno più profondo.

Non ci sono molti parassiti o problemi che riguardano l’aloe. La decomposizione è il problema più comune. Quindi prestare attenzione all’appassimento delle foglie e dell’acqua o trattenere l’acqua di conseguenza.