Birra: scoperta un tipo che aiuta nella prevenzione dell’Alzheimer

La birra non è solo buona da gustare, a quanto pare esiste un tipo particolare che aiuta nella prevenzione dell’Alzheimer.

Che questa bevanda alcolica abbia molti benefici è ormai risaputo, ma sembra che possa agire anche sulla salute del nostro cervello.

Birra per prevenire l'Alzheimer - Fonte AdobeStock
Birra per prevenire l’Alzheimer – Fonte AdobeStock

Uno dei piaceri a cui ci dedichiamo più facilmente è la classica birra al pub con gli amici o in pizzeria. Bevuta con moderazione infatti ha moltissimi benefici, ma fino ad oggi non sapevamo che poteva essere un toccasana anche per il nostro cervello – e in particolare nella prevenzione dell’Alzheimer. In particolare alcune tipologie comportano benefici maggiori; vediamo cosa hanno scoperto i ricercatori e che tipo di birra di è rivelata più adatta allo scopo.

Birra, qual è il tipo che ci aiuta maggiormente contro l’Alzheimer

Sembra insomma che bere birra non sia solo un’abitudine che può far bene all’anima e alla socialità, ma anche un vero e proprio sistema di prevenzione per una delle malattie più complesse con cui abbiamo a che fare, l’Alzheimer. Lo ha dimostrato un recente studio condotto dai ricercatori dell’Università Milano-Bicocca e dell’Istituto di Ricerche Farmacologiche Mario Negri – una ricerca, dunque, completamente italiana.

Birra per prevenire l'Alzheimer - Fonte AdobeStock (1)
Birra per prevenire l’Alzheimer – Fonte AdobeStock (1)

Lo studio, pubblicato recentemente sulla rivista scientifica ACS Chemical Neuroscience, sostiene infatti che questa bevanda leggermente alcolica può aiutare a prevenire questa malattia neurodegenerativa grazie ad uno dei suoi ingredienti principali, il luppolo.  Questo particolare ingrediente contiene al suo interno delle sostanze chimiche capaci di inibire l’aggregazione delle proteine ​​beta amiloidi – associate dagli esperti all’insorgenza del morbo.

Proprio per questo si consiglia di bere le birre maggiormente luppolate; per quanto la classica bionda che solitamente beviamo ne contiene una quantità media, è nelle IPA (American Pale Ale) e le sue varianti che si trova in concentrazione maggiore. Ovviamente lo studio, i ricercatori ci tengono a precisarlo, non mira a spingere gli amanti della birra verso soluzioni più amare e luppolate, ma una semplice dimostrazione che questa tipologia può seriamente aiutare a prevenire l’Alzheimer.