Risparmia sul riscaldamento con il trucco del foglio

Dato l’incubo del caro bollette, quest’anno risparmia sul riscaldamento con il trucco del foglio.

Per cercare di risparmiare qualcosa in bolletta prova il trucco di cui ormai tutti parlano sul web.

Riscaldamenti e risparmio - Fonte AdobeStock
Riscaldamenti e risparmio – Fonte AdobeStock

Quest’anno la maggior parte degli utenti, giustamente, sono piuttosto preoccupati per le bollette del gas e della luce – soprattutto in previsione dell’inverno. Ci sono però numerosi trucchi per poter risparmiare sulla fattura finale. Tra i metodi che ultimamente stanno spopolando c’è quello che foglio. Vediamo di cosa si tratta e come funziona.

Trucco del foglio per risparmiare sul riscaldamento: come funziona

Con il caro bolletta, la maggior parte di noi si sta ingegnando il più possibile per poter risparmiare qualcosa a fine mese sulle bollette di gas e luce – soprattutto considerando che in questo periodo sono diversi i sistemi di riscaldamento accesi per tenere al caldo la nostra casa.

Termosifone - Fonte AdobeStock
Termosifone – Fonte AdobeStock

C’è un espediente, che sta spopolando sul web, piuttosto economico che vi aiuterà in quest’impresa. Vi basterà prendere dei fogli chiamati pannelli termoriflettenti, i quali hanno la capacità di riflettere per l’appunto il calore.

Collocati a ridosso delle finestre o su pareti non troppo spesse vi aiuteranno ad evitare fino al 40% di dispersione del calore. Si tratta di una soluzione adattissima quando si spengono i riscaldamenti e si vuole evitare che il calore si disperda – facendo così abbassare di nuovo la temperatura interna dell’abitazione.

I pannelli termoriflettenti, fatti di polietilene, si vendono solitamente in fogli spessi pochi millimetri su diversi siti di e-commerce – come ad esempio Amazon – ma anche nei negozi specializzati.

Come posizionare un pannello termoriflettente

Come anticipato solitamente questi pannelli vengono collocati a ridosso di infissi e pareti poco spesse. In particolare sono collocati dietro il termosifone, che nella maggior parte delle abitazioni è posto proprio sotto una finestra o su pareti piuttosto sottili.

Termosifone in ghisa - Fonte AdobeStock
Termosifone in ghisa – Fonte AdobeStock

Per montare un pannello termoriflettente non avrete bisogno di smontare completamente il calorifero, dal momento che è possibile posizionarlo sul retro, a contatto con la parete (si può dunque far scivolare dietro di esso).

Ricordatevi però di esporre la parte in alluminio verso il termosifone, in modo tale che la sua proprietà riflettente butti verso la stanza il calore generato. In questo modo, come anticipato, si potrà evitare fino al 40% della dispersione di calore – e avere un notevole risparmio in bolletta