Termosifone o calorifero: come pulirlo prima dell’accensione

Come ogni strumento in casa anche il termosifone o il calorifero hanno bisogno di manutenzione: ecco come pulirlo prima dell’accensione.

Il freddo è arrivato e alcuni hanno già iniziato ad accedere il termosifone, che però ha bisogno di essere pulito per bene per essere efficiente.

Termosifone - Fonte AdobeStock
Termosifone – Fonte AdobeStock

Nonostante il caro bollette gravi sulle nostre teste, accendere i termosifoni è essenziale per poter affrontare l’inverno rimanendo al caldo. Per poter aumentare l’efficienza di questo dispositivo, il che vi permetterà anche di risparmiare qualcosina in bolletta, ricordate di pulirlo bene prima di iniziare ad accenderlo. Ecco come farlo.

Pulire il termosifone: come farlo da soli

In molti in passato hanno chiesto aiuto per poter smontare il termosifone e poterlo pulire a fondo. Ci sono però dei metodi che vi permetteranno di farlo autonomamente e senza bisogno di toccare nulla.

Termosifone - Fonte AdobeStock
Termosifone – Fonte AdobeStock

Prima di iniziare la pulizia profonda, però, utilizzate il metodo del phon per pulire il grosso. Vi basterà posizionare un panno umido dietro e uno sotto il calorifero e poi azionare il getto di calore, in modo tale da pulire tutte le fessure.

Ora possiamo procedere a pulirlo internamente – il momento più delicato e che richiede particolare attenzione. Posizionate una bacinella sotto la valvola e apritela piano piano; inizierà ad uscire dell’acqua molto scura e lasciate sfogare finché quest’ultima non si sarà schiarita.

Pulire esternamente il termosifone

A questo punto vi manca soltanto la pulizia esterna e in questo caso dobbiamo fare un importante distinguo tra quello in ghisa e quello più leggero in alluminio. A seconda del modello infatti ci saranno delle sostanze diverse da utilizzare per la pulizia.

Bicarbonato e termosifone - Fonte AdobeStock
Bicarbonato e termosifone – Fonte AdobeStock

Per quanto riguarda quello in ghisa – essendo più delicato – avrà bisogno di detergenti meno aggressivi. Vi consigliamo infatti di utilizzare le scaglie di sapone di Marsiglia e del bicarbonato di sodio in un recipiente con dell’acqua calda. Utilizzate il composto direttamente sul termosifone, con un panno che non lasci lanuggine e il gioco è fatto.

Quello in alluminio è meno delicato, per cui potremo usare un semplice composto a base di succo di un limone e mettetelo in un flacone spray contenente metà acqua e metà aceto. Spruzzatelo direttamente sul termosifone e pulire con un panno – possibilmente di microfibra.