Le zecche nei gatti rappresentano un problema molto fastidioso. Infatti questi parassiti possono essere fonte di diversi danni, specialmente se non vengono individuati in tempo e non vengono trattati nel migliore dei modi. Le zecche nei gatti sono dei piccoli insetti che possono infestare la pelle e il pelo degli animali.

Spesso si nutrono del loro sangue e, se non vengono sottoposte a dei rimedi adatti, possono provocare malattie pericolose, come per esempio l’encefalite virale. Inoltre spesso creano molti problemi al nostro micio, perché provocano l’innalzamento della sua temperatura corporea.

Scopriamo quali sono le conseguenze che possono comportare le zecche nei gatti, i sintomi caratteristici che provocano e i migliori rimedi per eliminarle.

I sintomi provocati dalle zecche

Prima di esaminare in maniera più profonda il rapporto fra gatti e zecche, vediamo di fare il punto sui sintomi che questi parassiti possono determinare. Infatti è molto importante essere preparati su come riconoscere le molte manifestazioni sintomatologiche che possono essere rapportate alla presenza delle zecche sui gatti.

I sintomi sono molto vari e quindi non è detto che siano per forza causati dalle zecche, ma una buona preparazione su questo argomento ci può aiutare ad intervenire in maniera più tempestiva, contattando immediatamente il veterinario, per sottoporre i nostri amici a quattro zampe ad una visita.

Sottolineiamo infatti come sia fondamentale intervenire in tempo, per evitare le conseguenze che le zecche nei gatti possono comportare.

Per quanto riguarda più dettagliatamente i sintomi, oltre alla febbre, di cui abbiamo già parlato, le zecche nei gatti possono comportare letargia, difficoltà nella deambulazione, dolore ad una zampa o in altre parti del corpo.

Inoltre, proprio a causa della presenza eventuale di zecche, possono comparire altri disturbi come artrite, perdita dell’appetito e tosse.

Le parti interessate dalle zecche

Non è possibile vedere le zecche ad occhio nudo o almeno esse non sono sempre visibili senza l’aiuto di una lente di ingrandimento. Questi parassiti si possono trovare in qualsiasi zona verdeggiante. Per esempio li ritroviamo fra i cespugli, nei campi ricoperti dall’erba o nei boschi.

Sono normalmente nascoste e spesso mordono proprio i gatti. Quindi, se vogliamo individuare bene le zecche nei gatti, dobbiamo esaminare attentamente il pelo dei nostri animaletti, per vedere se il nostro micio è stato colpito.

Di solito le zecche si situano su alcune parti del corpo dei gatti, come per esempio le orecchie e le zone circostanti ad esse. Oppure possono essere collocate specialmente sul collo dei gatti.

La prevenzione

Molto importante è puntare sulla prevenzione, per evitare che questi parassiti infestino, quando meno ce l’aspettiamo, proprio la pelle e il pelo dei gatti. Agiamo attentamente nelle pulizie della casa e del giardino, infatti proprio nelle zone verdi antistanti le abitazioni le zecche si possono nascondere.

In particolare ci possiamo servire dell’aspirapolvere, da passare sui pavimenti, ma anche sui divani e sui tessuti vari o sui tappeti che abbiamo in casa.

Si può agire cospargendo i tappeti o i tessuti anche con una polvere detergente che si chiama borace. Basta lasciar agire il prodotto per circa un’ora.

Cosa fare in presenza di zecche

Come togliere le zecche ai gatti? Le zecche nei gatti possono essere molto pericolose, perché possono provocare anche patologie gravi, come la borrelliosi o l’anaplasmosi. Sono tutte malattie infettive, che si verificano quando questi parassiti iniettano nel sangue dell’animale dei batteri.

Oltre a trattare gli animali con degli antiparassitari, che sono dei prodotti specifici che ti può consigliare il veterinario, è fondamentale agire anche nell’ambiente in cui il gatto vive, cercando di utilizzare gli stessi prodotti, per evitare che essi si annidino negli ambienti.

Per mantenere una corretta igiene, è bene innaffiare e mantenere il giardino o il cortile asciutti e puliti. Poi provvedi a tagliare con regolarità l’erba. Le zecche odiano l’acqua e odiano la pulizia.

Puoi per esempio utilizzare anche dei saponi non profumati e non irritanti, appositamente formulati per tenere lontane le zecche dalle zone che sono sottoposte ad una più facile infezione, come le orecchie e il collo.

Per rimuovere le zecche dei gatti, dopo aver passato dell’alcol, dobbiamo afferrare con decisione l’insetto con delle pinzette e staccarlo con un movimento deciso. In questa condizione dobbiamo evitare di schiacciare il parassita.

Quando abbiamo tolto le zecche dai gatti, gli animali devono essere tenuti in osservazione e possono essere portati anche dal veterinario per una visita di controllo.

Ti consigliamo anche un impacco fatto con rimedi naturali per allontanare le zecche dai gatti. Basta mettere insieme circa 220 grammi di farina fossile con due cucchiai di oli essenziali, come l’eucalipto, la citronella e la lavanda.

La farina fossile uccide le zecche, provvedendo ad eliminare il loro rivestimento protettivo. Inoltre elimina le zecche facendole disidratare. Gli oli essenziali che ti abbiamo indicato svolgono essenzialmente un’azione repellente. Naturalmente sono da utilizzare soltanto dopo aver verificato che il nostro gatto non manifesti eventuali allergie a questi ingredienti.