Santo Domingo dove si trova in particolare? Stiamo parlando della capitale della Repubblica Dominicana, un luogo incantevole, una città assolutamente da visitare per le bellezze paesaggistiche che permette di osservare. Santo Domingo si trova ad est dell’isola di Hispaniola, appartenente ai Caraibi. Senza dubbio la capitale della Repubblica Dominicana è un posto molto apprezzato dai turisti, che si contraddistingue per il fatto che dà l’opportunità di trascorrere qualche giorno in completo relax.

Il mare, prima di ogni altra cosa, ma anche i colori che le meraviglie naturali di questo posto sono in grado di offrire: tutto è davvero imperdibile e in questi luoghi abbiamo l’opportunità di fare tante escursioni nei dintorni, oltre che apprezzare un panorama molto particolare, fatto anche delle caratteristiche palme e di bellezze paesaggistiche che vale la pena vedere.

Ma dove si trova Santo Domingo? In generale la Repubblica Dominicana dove si trova? E qual è il rapporto Caraibi Santo Domingo? Abbiamo visto che questi luoghi meravigliosi sono davvero unici nel loro genere e garantiscono la possibilità di trascorrere una vacanza da sogno. La capitale di Santo Domingo è anche il punto di partenza per una visita dell’intera isola, che nasconde dei luoghi davvero incantevoli. Vediamo di saperne di più su alcune indicazioni per chi vuole visitare Santo Domingo.

Dove si trova Santo Domingo

Quindi Santo Domingo dove si trova? Stiamo parlando dell’isola di Hispaniola, quella che, per la sua estensione, può essere considerata la seconda dell’arcipelago dei Caraibi. Ecco perché si parla di Santo Domingo Caraibi. I confini di questo luogo sono condivisi con Haiti e le coste sono bagnate a sud dal Mar dei Caraibi e a nord dall’Oceano Atlantico.

Dobbiamo osservare che la posizione particolare dal punto di vista geografico di questi luoghi è in grado di condizionare ampiamente il clima. Basti pensare ad esempio alla temperatura di Santo Domingo, che tutto l’anno risulta piacevole. Poi dobbiamo ricordare anche la presenza della barriera corallina, tutti fattori che fanno in modo di rendere questo luogo un posto ottimale dal punto di vista turistico.

I turisti che decidono di visitare questa isola e in particolare Santo Domingo sono veramente tanti ogni anno e in generale i flussi turistici sono notevoli in tutti i vari periodi dell’anno. Allo stesso modo però dobbiamo ricordare che spesso in questa zona si verificano degli uragani, che mettono a dura prova del paesaggio e delle costruzioni che troviamo in queste località.

Come arrivare a Santo Domingo

Andare nell’isola di Santo Domingo non è difficile, dal punto di vista dell’organizzazione del viaggio in aereo. Di certo, comunque, bisogna considerare che il viaggio sarà particolarmente lungo. Infatti ci sono dei voli che, con appositi charter, permettono di raggiungere dall’Italia l’aeroporto di Las Americas.

Allo stesso modo ricordiamo anche che esistono dei collegamenti diretti con Milano, con voli che hanno la durata di 12 ore. Partendo da Roma, è possibile fare scalo a Madrid, considerando in questo caso complessivamente 13 ore di volo.

Si può partire anche da una capitale europea. Ad esempio da Parigi, sempre facendo scalo a Madrid, saranno necessarie 14 ore di volo. Invece da Madrid esistono dei collegamenti diretti con 8 ore di viaggio. Chi vuole partire da Londra può fare scalo a New York, considerando 13 ore di volo.

Quando andare a Santo Domingo

Abbiamo visto, quindi, Santo Domingo dove si trova e come fare per raggiungere la capitale della Repubblica Dominicana. Ma qual è il periodo migliore per andare a Santo Domingo? Quando andare a Santo Domingo considerando le caratteristiche del clima di questa località?

Parlando del clima, dobbiamo osservare che si tratta di un clima tropicale che è caldo in tutti i periodi dell’anno. C’è una stagione calda e piovosa dal mese di maggio a quello di ottobre. Inoltre la stagione da novembre ad aprile può essere considerata quella più secca. Le pioggie si verificano soprattutto proprio nella stagione calda e spesso hanno un carattere di temporale.

Chi vuole visitare queste località deve tenere in considerazione anche il periodo in cui si verificano più di frequente gli uragani, la stagione che va da giugno a dicembre, con un rischio massimo che si registra tra agosto e ottobre.

Proprio per tutte queste caratteristiche del clima, possiamo dire che il periodo migliore per andare a Santo Domingo è quello da dicembre ad aprile, perché si caratterizza per essere meno caldo e con meno piogge. Sarebbe da evitare il periodo da agosto ad ottobre, in generale in tutte le aree dei Caraibi, proprio per il periodo di allerta uragani.

Cosa vedere e cosa fare

Chi è alla ricerca di informazioni su Santo Domingo sicuramente deve tenere in considerazione il fatto che si tratta di un luogo davvero denso di cose da fare e di paesaggi da ammirare. Pensiamo per esempio al Tres Ojos National Park, un insieme di lagune e di grotte che si trovano all’interno di un parco naturale a poca distanza da Santo Domingo. Questo parco si può visitare con delle imbarcazioni e regala un panorama naturale davvero stupendo, caratterizzato anche da colori particolarmente intensi.

Come diemnticare poi il Giardino Botanico? Si tratta del più grande dei Caraibi e in generale dell’America centrale. Questo luogo si caratterizza per la sua estensione, che corrisponde a 2 chilometri quadrati, all’interno della quale si possono vedere tantissime specie di piante, acquatiche e non solo, oltre ad orchidee, cactus e palme. Questo giardino botanico si può visitare anche su un apposito trenino predisposto proprio per le visite.

Per chi vuole fare vita da spiaggia, possiamo citare due luoghi incantevoli. Si tratta di Boca Chica, che è la spiaggia maggiormente vicina alla città di cui stiamo parlando e che si contraddistingue per l’acqua bassa. Qui è possibile trovare molti resort, bar e ristoranti. Inoltre, tra le altre spiagge, possiamo ricordare Playa Caribe, a circa 50 chilometri da Santo Domingo. Questa spiaggia una caratteristica forma a mezzaluna ed è un luogo ideale per coloro che praticano surf, grazie anche alle onde che spesso sono presenti in questo tratto di spiaggia.

Citiamo poi altre spiagge della zona, che si possono raggiungere proprio da Santo Domingo. Si tratta ad esempio di Punta Cana, di Playa El Caleton, di Bayahibe e di Isla Saona.