Una fioriera in legno è un ottimo modo di creare un letto per coltivare piante e ortaggi se non abbiamo spazio a sufficienza o più genericamente se ci piace.

La fioriera in legno può essere costruita con il fai da te per adattarsi a qualsiasi angolo, a seconda delle nostre esigenze. E, poiché è comunemente fatta di legno trattato a pressione, può essere colorata in qualsiasi colore e non marcisce.

Quale legno usare

Il legno usato per costruire una fioriera deve avere certe caratteristiche che lo rendono duraturo, come la putrefazione e la resistenza agli insetti, e deve apparire ben abbinato al contesto del paesaggio.

Molte fioriere in legno possono anche essere sigillate o trattate per prevenire lo sbiadimento o l’ingrigimento del legno. Quindi quasi qualsiasi tipo di legno può essere utilizzato per costruire una fioriera. Tuttavia, ci sono alcune tipologie di legni comuni che forniscono tutte le caratteristiche necessarie per realizzare una fioriera resistente e attraente.

Il primo è dato sicuramente dal teak. Si tratta un legno comunemente usato per mobili e fioriere da giardino. Questo legno color miele è altamente resistente alla putrefazione e alla decomposizione. È pertanto ideale per l’ambiente umido e perfetto per la crescita delle piante.

Il teak produce oli naturali che lo proteggono dagli elementi, ma diventerà grigio se non viene effettuata manutenzione con sigillante almeno una volta all’anno. Alcuni giardinieri preferiscono questo aspetto invecchiato e non pregiudicano l’integrità del legno.

Altro legno? Il cedro. Questo è un albero con molte qualità simili al teak. Si tratta di un legno leggero e resistente che non cede alle screpolature. Il cedro rosso occidentale è ideale come legno di fioriera, perché è un conduttore termico, il che significa che anche nei giorni caldi è fresco, aspetto questo positivo per le radici delle piante.

Il cedro è anche naturalmente resistente ai batteri e ai funghi e contiene oli naturali che preservano il legno anche in climi umidi. Le fioriere di cedro richiedono poca manutenzione. Una passata di sigillante ne conserverà il colore, ma se lasciata a nudo, una fioriera di cedro in genere tenderà fare un coloro argenteo non proprio bello da vedere.

La sequoia è una specie di legno a crescita rapida. Caratteristica questa che la rende un materiale per costruire il porta fiori dei nostri sogni. Questo legno è durevole e resiste agli agenti atmosferici e al marciume, ma richiede la sigillatura per prevenire le fessurazioni.

Come il tek e il cedro, anche la sequoia lasciata non sigillata diventerà di colore grigio. In genere, comunque, il ricco colore rosso può essere ripristinato con un sigillante di sequoia colorato. Pulire il legno con acqua e sapone e sciacquare accuratamente prima di applicare sigillanti sulle superfici della sequoia.

Come costruire una fioriera in legno?

Per costruire da soli una fioriera dobbiamo seguire pochi semplici passaggi. Contrassegnare e tagliare tutti i pezzi di legno, ognuna con le lunghezze corrette. Il tutto tagliando le estremità il più esattamente possibile per una finitura liscia. Inoltre, praticare un foro alla fine di ogni lunghezza per fermare la divisione del legno quando si inseriscono le viti.

A questo punto potremo disporre le lunghezze di varie dimensioni in successione, per formare il telaio. Tagliare il pannello di legno smussato alle lunghezze per il fondo della fioriera. Al contempo controllare che tutte le estremità siano a filo e fissate con viti. Lentamente assembliamo ogni singolo pannello, fino ad aggiungere tutte le superfici di legno con giunti alternati. Questo fino a quando la fioriera non comincia a prendere forma.

Per proteggere il legno, allineare la fioriera con la plastica, fissandola con piccoli chiodi. Praticare i fori di drenaggio prima di riempirlo di terriccio. Il nostro contenitore per fiori è pronto all’uso.