Gran parte della Russia asiatica potrebbe diventare abitabile entro la fine del XXI secolo. Questo a causa dei cambiamenti del clima, secondo degli studi e dei dati elaborati dagli esperti.

Il nuovo studio: verso una nuova zona vivibile

Un gruppo di studio del Centro di ricerca federale di Krasnoyarsk in Russia (coadiuvato dall’Istituto nazionale aerospaziale, USA) ha utilizzato gli scenari climatici attuali e previsti per esaminare il comfort climatico della Russia asiatica. Questo allo scopo di individuare il potenziale per l’insediamento umano entro questo secolo.

Con 13 milioni di chilometri quadrati, la Russia asiatica – a est degli Urali verso il Pacifico – rappresenta il 77% della superficie terrestre della Russia. La sua popolazione, tuttavia, è ferma a solo il 27%. Il tutto concentrato lungo la steppa della foresta nel sud, con il suo clima confortevole e il terreno fertile.

L’autrice principale dello studio, la dottoressa Elena Parfenova, della Krasnoyarsk Federal Research, ha fatto notare che le migrazioni umane precedenti sono state collegate ai cambiamenti climatici.

Gli scienziati hanno cercato di sapere se i futuri cambiamenti climatici potrebbero portare le parti meno ospitali della Russia asiatica a diventare più abitabili per gli esseri umani.

Come si è svolto l’esperimento e le possibili soluzioni

Per la loro analisi, il team ha utilizzato una combinazione di 20 modelli di circolazione generale con due scenari di CO2. Il tutto per emulare i cambiamenti climatici miti e anche i cambiamenti più estremi.

Hanno applicato i mezzi collettivi delle temperature di gennaio e luglio e le precipitazioni annuali dei due scenari alla Russia asiatica per trovare i rispettivi effetti su tre indici climatici importanti per il sostentamento e il benessere umani. Si tratta cioè di: potenziale paesaggistico ecologico (ELP), gravità invernale e copertura del permafrost.

La dott.ssa Parfenova ha dichiarato che sono stati rilevati degli aumenti della temperatura a metà inverno da 3,4 a 9,1 gradi, a metà estate da 1,9 a 5,7 gradi e un incremento delle precipitazioni da 60 a 140 millimetri.

La Russia asiatica è attualmente estremamente fredda. Pertanto si conclude che in un futuro clima più caldo la sicurezza alimentare in termini di distribuzione delle colture e capacità produttiva diventerà probabilmente più favorevole per le persone a sostenere gli insediamenti.

Tuttavia, lo sviluppo del territorio adatto dipende dalle politiche sociali, politiche ed economiche delle autorità. Infatti, le terre con infrastrutture sviluppate e alto potenziale agricolo sarebbero ovviamente popolate per prime. La velocità di questi sviluppi dipende dagli investimenti nelle infrastrutture e nell’agricoltura, che a loro volta dipende dalle decisioni che dovrebbero essere prese presto.