Bonus gomme auto da 200 euro come richiederlo, affrettati scade il 31 dicembre 2022

Come richiedere il bonus gomme da 200 euro? Se ancora non siete informati al riguardo, sarà bene scoprirlo. Infatti il termine è fissato l’ultimo giorno dell’anno, e meglio non ridursi all’ultimo momento e impreparati, per quella che è un’agevolazione che può fare davvero comodo. 

Il bonus in questione è uno sconto del valore di 200 euro sull’acquisto di gomme più efficienti, e con un grado elevato di sicurezza, perlomeno di tipo B, se non A. Dovrà essere richiesto al venditore, punto vendita fisico oppure online, al momento dell’acquisto. Da maggio dello scorso anno è in vigore l’etichettatura delle gomme per stilare una graduatoria in termini di sicurezza.

Il bonus è l’occasione che si aspettava per sostituire pneumatici con quelli tecnologicamente più avanzati – newssecologia.it

Ora, con il suddetto bonus, si vuole incentivare, per chi non fosse ancora “in regola” con  gomme ritenute davvero sicure, l’acquisto delle stesse, nelle classi d’etichettatura più elevate. Il bonus si è ottenuto quest’anno, su iniziativa dell’associazione Assogomma, che ha insistito per ottenere un simile provvedimento.

 

Gli pneumatici da acquistare con il bonus

Si tratta di gomme che garantiscono, oltre a migliore stabilità e aderenza, anche una migliore resa energetica del veicolo. Ciò perché la percorrenza dell’auto viene migliorata e viene consumato meno carburante, a parità di distanza percorsa. Non è un caso che il bonus stesso rientri fra le agevolazioni volte alla riduzione delle emissioni inquinanti, all’interno del Decreto Energia.

Le gomme delle etichettature in questione, oltre a rispondere alla qualificazione voluta, aderiscono perfettamente sulle strade bagnate, anche a temperature molto rigide. Vi sono poi in commercio modelli delle stesse classi che garantiscono aderenza anche in caso di neve. Lo stesso tipo di pneumatico è ottimo per l’estate, poiché la mescola, il prodotto che unisce la gomma in sé e gli agenti chimici rivolti a stabilizzarla, colorarla, e conferirle quelle proprietà volute (le cosidette cariche), lavora a temperatura più elevata.

La procedura volta ad ottenere il bonus gomme

Le classi di suddivisione degli pneumatici ammessi nel bonus – newsecologia.it

Essa è davvero molto semplice. Basta recarsi dal gommista, acquistare 4 pneumatici nuovi, con etichetta A o B, e ottenere l’emissione di regolare fattura o ricevuta per l’acquisto. E’ sufficiente richiedere prima dell’emissione di quest’ultima, e del relativo pagamento, lo sconto al commerciante.

In seguito, sulla base della quietanza emessa (fattura o ricevuta), il commerciante richiederà il rimborso allo Stato, con un apposito invio del documento fiscale rilasciato per pagamento ricevuto, ed entro 120 giorni dal rilascio dello stesso documento. Lo Stato avrebbe stanziato 20 milioni di euro di finanziamento, e non vi sono limiti d’Isee per richiederlo. In ogni caso, è valido fino ad esaurimento delle risorse medesime, che però dovrebbe essere appositamente comunicato.