Ghiacci dell’Antartico, rischio tossicità: quali sono i pericoli per la nostra salute?

E’ allarme mercurio nei ghiacci dell’Antartico: un team di ricercator hanno trovato una quantità allarmante di metilmercurio, cioè una pericolosa neurotossina che inquina l’ambiente e che mette a repentaglio la vita di uccelli e pesci. La scoperta, fatta dall’Università di Melbourne, ha visto il contributo decisivo di alcuni ricercatori inviati ad esaminare l’area glaciale del Sud del mondo.

La scoperta di batteri pericolosi per la nostra salute

Banco_del_pesce

Questa è infatti la prima ricerca che mostra come nelle acque e nei ghiacci dell’emisfero australe siano riusciti ad insidiarsi dei batteri capaci di trasformare il mercurio in metilmercurio, ovvero in una forma molto più tossica dell’originale. Il metilmercurio – tossico per la salute umana – viene metabolizzato dai pesci che finiscono poi sulle nostre tavole.

Il metalmercurio e gli effetti per il cervello

antartico_6

Una volta che il metilmercurio circola nell’organismo finisce al cervello, provocando uno sviluppo anomalo del tessuto cerebrale e compromettendo persino l’incolumità dei feti. I ricercatori avvertono che saranno necessari ulteriori approfondimenti per capire meglio i termini della questione, anche se appare sin da ora evidente che ci potrebbe essere un forte contraccolpo per il mercato ittico.

Brunello Colli