I test delle armi nucleari risalgono ormai alla metà degli anni ’40. I continui esperimenti furono incrementati in modo significativo a partire dai primi anni ’50. Diversi Paesi, tra cui Stati Uniti, Unione Sovietica, Cina e Francia hanno passato decenni a testare nuove versioni delle armi incredibilmente distruttive. Tuttavia come dimostra un nuovo studio, la Terra sta ancora affrontando il fallout.

Il test sulla radioattività nell’Oceano

In un nuovo articolo pubblicato su Geophysical Research Letters, i ricercatori hanno trovato tracce di carbonio radioattivo dai test bomba negli anni ’50 e ’60 ancora presenti negli organismi che usano il fondo del mare come la loro casa. Per determinare come è arrivato, gli scienziati hanno dovuto seguire la catena alimentare.

Il carbonio radioattivo, chiamato carbonio-14 o “carbonio di bombe” è stato creato durante test atmosferici di armi nucleari. Il carbonio-14 esiste in natura, ma in quantità molto ridotte, e gli scienziati ritengono che le esplosioni vecchie di decenni abbiano raddoppiato efficacemente la quantità di carbonio radioattivo nell’atmosfera terrestre.

Quel materiale alla fine si stabilizzò e gran parte di esso finì nelle acque superficiali degli oceani della Terra. Varie specie di organismi marini hanno assorbito il carbonio delle bombe. Quel carbonio-14, incorporato nelle cellule di innumerevoli animali scomparve con il passare degli anni. E i ricercatori suggeriscono che sia stato semplicemente tramandato attraverso la catena alimentare.

I test sulla vita marina di fondo-dimora come gli anfipodi trovati nei più profondi tratti dell’oceano hanno rivelato livelli di carbonio-14. Questi erano significativamente superiori ai livelli del materiale radioattivo nelle acque in cui vivevano. Testando il contenuto dello stomaco degli animali è diventato chiaro che il carbonio-14 ha avuto origine in superficie. Per cui, quando varie creature marine muoiono e si dirigono verso il basso, chi si nutre di quei resti sta ora raccogliendo il carbonio nel suo stesso corpo.

L’incredulità degli studiosi

Lo studio è in parte un avvertimento dell’incredibile e potenzialmente terribile effetto che gli esseri umani possono avere sugli abitanti della Terra.

Ning Wang, autore principale dello studio, ha spiegato che anche se la circolazione nell’oceano ha una durata di centinaia di anni per portare il carbonio nelle aree più profonde, questo raggiunge velocemente la catena alimentare.