La NASA ha reso pubblico uno studio, secondo il quale durante il corso del 2030 potrebbe esserci una vera e propria catastrofe. Si tratta della possibilità che intervengano delle inondazioni dall’incredibile portata che interesseranno non soltanto la Terra, ma anche la Luna. Inondazioni, quindi, catastrofiche, di cui si dà conto sui risultati della ricerca che sono stati pubblicati sulla rivista Nature Climate Change.

A che cosa sarebbero dovute le inondazioni catastrofiche

Secondo ciò che si può leggere a partire dalla ricerca portata avanti dalla NASA, le inondazioni catastrofiche sarebbero determinate dall’oscillazione della Luna nella sua orbita. Queste inondazioni dalla grande portata destano un vero e proprio allarme, perché si sa che potrebbero colpire la Terra, ma non si sa quali conseguenze potrebbero determinare.

Nel 2030 si prevede un forte innalzamento del livello del mare a fronte di un ciclo lunare molto particolare. Per questo non si conosce la portata che potrebbe avere l’evento, che potrebbe interessare in particolare alcune città costiere.

Cosa ha detto la NASA sulle inondazioni catastrofiche

L’amministratore della NASA, Bill Nelson, ha spiegato che le aree più a rischio sul nostro pianeta sono quelle che si trovano vicinissime al livello del mare. Già queste aree sono state spesso luoghi caratterizzati dalle inondazioni.

Infatti già anche nel 2019 si prevedevano eventi di questo tipo, che però sono stati mitigati a quanto pare da altri fattori. Adesso si temono anche da parte degli esperti delle conseguenze che potrebbero scaturire dal collegamento con i cambiamenti climatici che stanno interessando la Terra. Secondo alcuni, saremo in presenza di una nuova fase della storia del nostro pianeta.