Un braccio della nostra Via Lattea sarebbe “fratturato”. Una scoperta molto interessante quella effettuata da osservazioni messe a punto da alcuni telescopi dell’Esa e della Nasa. I risultati della ricerca in questione, pubblicati su Astronomy & Astrophysics, mettono in evidenza che la Via Lattea avrebbe un’area molto particolare, una sorta di sporgenza diagonale determinata da un gruppo di stelle. Quello che si viene a creare è una specie di piccolo ramo che parte da uno dei bracci principali della galassia.

Una piccola frattura in un braccio della galassia

Una sorta di “frattura”, quindi, che contribuisce a saperne di più sulle caratteristiche della Via Lattea, le quali sono difficili da comprendere pienamente, considerando che ci troviamo proprio all’interno di essa e che non abbiamo la possibilità di osservare il tutto dall’esterno.

Gli esperti fanno notare che sarebbe più semplice studiare le altre galassie piuttosto che la Via Lattea, nella quale ci troviamo, proprio per queste ragioni. Sono state portate avanti comunque delle missioni specifiche con l’obiettivo di conoscere alcune caratteristiche della galassia. Pensiamo ad esempio alla missione chiamata Gaia, lanciata nel 2013, che ha avuto l’obiettivo di conoscere le peculiarità di molte stelle tra quelle che si trovano proprio intorno a noi.

La struttura che potrebbe dirci molto sulla Via Lattea

I ricercatori hanno individuato questo piccolo rametto che sembra tagliare il braccio del Sagittario. Tutto deriva da un insieme di stelle che sembra differente rispetto alle altre anomalie fino a questo momento riscontrate nella Via Lattea.

La nuova struttura in questione che è stata identificata dagli studiosi, secondo gli scienziati, rappresenta un piccolo pezzo della galassia, ma che potrebbe dire molto di rilevante sulla Via Lattea in generale.