Il rivestimento del camino può assumere diverse caratteristiche, tenendo conto dei materiali di realizzazione che si vogliono utilizzare per rivestire questo elemento importante della casa. Inoltre le differenti caratteristiche da considerare dipendono dal risultato e dagli obiettivi che si vogliono raggiungere con il lavoro di rivestimento del caminetto.

Sicuramente un buon risultato può essere ottenuto rivolgendosi a degli esperti del settore, che sanno mettere a punto un lavoro ottimale e che potrebbero provvedere a risolvere anche eventuali problemi che dovessero presentarsi nel corso dei vari lavori.

È pur vero comunque che chi ha una buona manualità e riesce ad avere una certa dimestichezza con questa tipologia di lavorazioni può agire anche autonomamente, per mettere a punto dei rivestimenti per camini belli da vedere, grazie ad una procedura completa.

La progettazione e gli obiettivi da raggiungere

La prima operazione da effettuare, prima di procedere con il rivestimento del camino e con i lavori necessari ad effettuare questa opera, è quella che consiste nell’effettuare un preciso disegno, per avere a disposizione una traccia precisa dell’obiettivo che si vuole raggiungere.

Per quanto riguarda i caminetti con camera di combustione realizzata in acciaio, ad esempio, sarà necessario effettuare un’intelaiatura con il metallo, utilizzando profilati che si posizionano su una base di mattoni refrattari. Si procede quindi a rivestire con il cartongesso, utilizzando degli appositi pannelli, l’intelaiatura e successivamente viene messa a punto la parte esterna del rivestimento del camino con materiali di pietra realizzati appositamente. È possibile comunque utilizzare delle travi di legno o delle pietre grezze per dei risultati maggiormente personalizzati.

Il rivestimento realizzato in pietra

Parlando di strutture per camini, non possiamo non citare ad esempio il rivestimento in pietra, che rappresenta una soluzione molto bella da ammirare, anche perché con la pietra si potrà contribuire a mettere in atto una diffusione del calore in maniera omogenea.

A questo proposito è possibile scegliere fra diverse tipologie di pietre, come quelle naturali o quelle sintetiche, prendendo in considerazione le esigenze personali, sia per quanto riguarda lo stile da assegnare all’intera struttura che in relazione al budget che abbiamo a disposizione da spendere.

A volte è possibile anche arricchire questo tipo di rivestimento, con l’impiego di inserti lavorati realizzati in legno, per far risaltare la bellezza e il design di questi materiali. Chi vuole mettere a punto delle creazioni irregolari potrebbe utilizzare una pietra bianca, mentre coloro che vogliono usufruire di un effetto antico possono usare la pietra spazzolata.

La pietra lavica smaltata è uno dei materiali da tenere in considerazione, invece, se si vuole optare per un rivestimento che possa avere una resistenza maggiore al calore e una durata più lunga nel corso del tempo. Si tratta di un materiale che può essere utilizzato sia in ambienti con arredamenti di tipo moderno che in luoghi dallo stile più classico.

Come effettuare un rivestimento di un camino rustico

Parlando di rivestimento di termocamino, dobbiamo assolutamente citare anche alcuni consigli utili nel caso in cui si vogliano mettere in atto dei rivestimenti per camini rustici. In questo caso è possibile utilizzare del legno, dei mattoni refrattari (che siano comunque di ottima qualità) oppure delle pietre spazzolate.

Grazie a queste lavorazioni è possibile ottenere un risultato finale davvero bello da vedere. In base al progetto che decidiamo di attuare, infatti, è possibile ottenere delle forme molto particolari, anche irregolari, che siano in grado di richiamare le strutture dei tempi antichi.

Ricordiamo comunque che dobbiamo sempre utilizzare dei materiali di ottima qualità, anche perché in queste situazioni si tratta di progetti un po’ più complicati da mettere in atto, considerando che questi rivestimenti devono sempre essere mantenuti puliti dalla polvere o dalla fuliggine, degli elementi che potrebbero posizionarsi proprio nelle intersezioni tra gli elementi e le forme irregolari del rivestimento del camino.

Per questo motivo i rivestimenti dei caminetti dovrebbero sempre essere sicuramente dal grande impatto estetico, ma soprattutto anche altamente funzionali e pratici, anche per quanto riguarda la pulizia. Senza dubbio l’impatto offerto dal design di questi rivestimenti è molto interessante, dal momento che è possibile inserire queste realizzazioni sia nelle case di campagna che nelle abitazioni in città, ad esempio quando queste sono arredate con uno stile rustico o con oggetti in legno.

Ovviamente si tratta di rivestimenti che non si adattano molto bene dal punto di vista dello stile agli arredamenti contemporanei, che sono spesso contraddistinti da forme minimal e da complementi d’arredo molto moderni.

Come scegliere i materiali per il rivestimento

Cosa scegliere, quindi, per realizzare dei termocamini rivestiti nel migliore dei modi? Sicuramente la scelta di un opportuno rivestimento per i camini deve essere sempre effettuata tenendo conto di alcune specifiche caratteristiche essenziali, che riguardano innanzitutto il contesto e l’ambiente in cui sarà posizionata la struttura.

Scegliamo quindi anche in base allo stile, privilegiando ad esempio per un ambiente contemporaneo un rivestimento realizzato in acciaio inossidabile o con pietra levigata. Per un luogo dallo stile classico è invece possibile fare una scelta differente, privilegiando in questo caso ad esempio i mattoni refrattari o la pietra naturale. Sarebbe importante ad esempio scegliere dei mattoni refrattari realizzati a mano.

In tutte le situazioni comunque dobbiamo considerare anche i prezzi del materiale che andremo ad utilizzare per rivestire il camino. Infatti è bene ricordare che i vari elementi possono avere costi molto differenti.

Se non si ha un budget molto grande a disposizione è possibile comunque scegliere dei rivestimenti che non costano molto e che sono semplici da installare anche in autonomia, risparmiando così anche sul lavoro di un professionista e affidandosi invece al fai da te, soprattutto se si hanno una certa manualità e una buona dimestichezza con lavori di questo tipo.

È comunque importante ricordare che non possiamo fare affidamento a materiali di qualsiasi tipo, anzi è sempre essenziale rivolgersi alla scelta di prodotti di qualità, per evitare di ritrovarsi nel giro di poco tempo con rivestimenti che cedono, che hanno bisogno di una manutenzione o di riparazioni frequenti oppure che dovrebbero essere sostituiti con altri materiali.

Tenendo in considerazione tutte queste caratteristiche, è possibile avere a disposizione un rivestimento per caminetti di grande qualità, con materiali semplici da installare e belli da ammirare.