Come effettuare le potature dei gerani in modo preciso? Chi è appassionato di giardinaggio deve conoscere molto bene le tecniche che sono necessarie per curare le piante e i fiori, anche quando si fa riferimento alla potatura. La potatura dei gerani è proprio una delle azioni che si devono eseguire con molta cura, se abbiamo in giardino dei fiori di questo tipo.

L’obiettivo, come accade in generale per qualsiasi tipo di potatura, è quello di rendere perfetto e in piena salute lo sviluppo della pianta. Potare e coltivare i gerani significa, infatti, provvedere a mantenere nel modo corretto la crescita dei fiori e di conseguenza effettuare delle precise potature dei gerani è un ottimo modo per avere sempre a disposizione un giardino ben curato da tutti i punti di vista.

Quello fra gerani e potatura è un rapporto assolutamente da non trascurare, perché è un buon modo per abbellire il nostro giardino o il nostro balcone con delle piante colorate e belle da vedere. È essenziale che si abbia una corretta attenzione nei confronti delle piante durante tutto l’anno, non solo nelle stagioni con temperature più elevate, rispettando in tutti gli aspetti i tempi relativi alla fioritura.

Quando potare i gerani

Quando si potano i gerani, quindi? Partiamo proprio da questa domanda fondamentale, che ci può aiutare a comprendere come e quando potare i gerani, analizzando proprio il periodo migliore per procedere alle potature dei gerani.

Gerani: quando potarli? Le potature dei gerani devono avvenire in generale tenendo conto di due periodi nel corso dell’anno. Innanzitutto la potatura deve essere effettuata, in una prima fase, prima dell’inizio della stagione invernale (per questo si parla di gerani e potatura invernale), con l’obiettivo di mantenere sano l’arbusto.

La seconda fase della potatura può essere effettuata, invece, poco prima della stagione primaverile. Ma andiamo ad analizzare tutto nel dettaglio in merito ai periodi corretti della potatura di questa pianta.

Al contrario di quanto accade con altre piante, infatti, si deve procedere inizialmente con la potatura prima dei mesi invernali. L’obiettivo è molto preciso: si deve agire in questo periodo dell’anno per garantire alla pianta una precisa sopravvivenza nel periodo invernale, caratterizzato da temperature più basse.

Si fa in modo di permettere ai fiori di conservare le energie necessarie durante la stagione invernale, per garantire alla pianta di apparire nel migliore dei modi quando si avvicina la stagione primaverile e quindi nel momento in cui cominceranno ad aumentare le temperature.

Ma come fare a comprendere se è il caso di travasare i gerani? Per prima cosa, per tenere conto di questa necessità, dobbiamo prendere in considerazione il clima dell’area in cui ci troviamo. Se il clima è mite e la stagione invernale non presenta temperature molto fredde, è possibile lasciare all’esterno la pianta.

Se invece all’esterno si verificano spesso delle gelate nella stagione invernale, bisognerà togliere i fiori e fare in modo che essi vengano riparati dal freddo. I gerani infatti possono essere molto belli anche per arricchire di colori un appartamento.

La seconda fare del processo di potatura può essere messa in atto nella stagione primaverile, come abbiamo visto in precedenza, nel momento in cui decidiamo di sistemare di nuovo la pianta in un ambiente esterno. Solo in questo modo sarà possibile garantire alla pianta una buona fioritura, con l’adeguata protezione effettuata nel corso dell’inverno.

Come potare i gerani

Dopo aver visto i gerani quando si potano, andiamo ad analizzare come potare questa pianta. Bisogna sempre ricordare che le piante sono degli organismi viventi che hanno delle precise esigenze e degli specifici equilibri dal punto di vista biologico. È sempre necessario quindi agire con molta precisione nel sapere come potare i gerani.

La potatura del geranio è importante per eliminare gli elementi che potrebbero rivelarsi pericolosi per la pianta stessa, che possono formarsi con il passare delle settimane. È possibile infatti riscontrare a volte quelli che possono essere considerati come dei veri e propri ostacoli alla crescita delle piante o di alcune parti di esse.

Ma come fare quindi concretamente e come agire per le potature dei gerani nel modo corretto? Possiamo distinguere gli interventi da effettuare proprio in base al periodo. Nella fase di potatura effettuata nella stagione primaverile, quando riprende l’attività vegetativa della pianta stessa, è possibile ad esempio rimuovere i fiori secchi dalla pianta. Questa azione ha un preciso obiettivo, che consiste nella possibilità di permettere ai fiori nuovi di crescere al meglio.

In seguito, nella fase di potatura che viene effettuata all’inizio dei mesi invernali, si può procedere con una specifica pulizia dei rami della pianta.

I funghi e gli afidi che possono colpire i gerani sono veramente tanti, quindi è sempre essenziale mantenere una corretta potatura della pianta e garantire ad essa un nutrimento fondamentale rappresentato dall’acqua, che deve essere fornita tenendo conto delle caratteristiche e delle esigenze della pianta.

Quali attrezzi utilizzare per le potature dei gerani

Vediamo adesso come fare nella pratica per potare i gerani, tenendo in considerazione gli attrezzi adeguati per effettuare un’operazione di questo tipo. Chi si occupa di giardinaggio non può certamente improvvisare, ma dovrà avere sempre a disposizione l’attrezzatura giusta per compiere tutte le operazioni necessarie.

Nel caso specifico che stiamo considerando è fondamentale avere a disposizione sempre delle cesoie e delle forbici da giardino. Per prima cosa, prima di utilizzare questi attrezzi, è sempre fondamentale pulirli adeguatamente, per non trasmettere delle infezioni alla pianta.

Ricordiamo in particolare comunque che le cesoie devono essere utilizzate solo per la potatura dei rami più grandi, preferendo di conseguenza le forbici da giardino per tagliare i rami di piccole dimensioni o le foglie.

Non si tratta di una differenza di poco conto, perché un’azione sbagliata potrebbe compromettere la crescita della pianta. Infatti anche utilizzare delle forbici piccole sui rami più grandi potrebbe portare a delle conseguenze negative, considerando che in questo modo i rami robusti potrebbero danneggiarsi e si potrebbe determinare una vera e propria sofferenza della pianta. Usare le cesoie in questo caso aiuta a mettere a punto dei tagli netti, nel caso in cui sarà necessario agire sui rami più robusti.

È fondamentale agire con dei tagli obliqui, che sono molto semplici da mettere in pratica. Sono infatti dei tagli molto semplici da mettere in atto. Le potature più drastiche possono essere effettuate solamente nel caso dei gerani odorosi, dal momento che questa particolare specie consente di agire in questo modo senza provocare dei danni.