Come fare la potatura dei peperoni correttamente? La potatura del peperone è un elemento fondamentale perché la pianta possa dare dei buoni frutti. Occorre però conoscere le tecniche specifiche e bisogna fare molta attenzione perché occorre sapere che il peperone ha delle radici molto delicate.

È proprio per questo che peperoni e potatura sono un binomio da tenere molto in considerazione, visto che bastano delle piccole variazioni per incidere profondamente su queste piante. Potare i peperoni significa basarsi anche sull’esperienza che si acquisisce nel corso degli anni.

In ogni caso bisogna distinguere fra due tipi di potatura, quella di allevamento e quella di produzione. Vediamo in che cosa consiste questa distinzione e scopriamone di più sulla potatura dei peperoni.

Che cos’è la potatura di allevamento

La potatura dei peperoni di allevamento è quella che viene fatta nel primo anno di vita della pianta. È soltanto in questo modo che la pianta stessa può acquistare le condizioni più funzionali alla produzione degli ortaggi.

Se non intervenissimo nella cimatura dei peperoni, la pianta tenderebbe a produrre una prima biforcazione con tre rami principali. Da ciascuno di essi si sviluppano altri due rami. Invece noi possiamo intervenire nella potatura di allevamento attraverso due tecniche, note con il nome di olandese o di spagnola.

Nella forma olandese si fa in modo che crescano soltanto due dei tre rami. Nella forma spagnola si lasciano crescere tutti e tre. In ogni fase della potatura della pianta di peperoni si deve sempre tenere presente che questi ortaggi richiedono la presenza di ambienti piuttosto umidi.

In che cosa consiste la potatura di produzione

Passiamo ora alla potatura dei peperoni di produzione. In modo particolare si ritiene importante quella che si fa in estate, perché è proprio in questa fase che si selezionano le foglie e i germogli che devono proseguire la crescita.

In ogni nodo si sceglie di lasciare soltanto una foglia, avendo cura di tenere anche i germogli più vigorosi. Si può scegliere anche di cimare i peperoni in più nodi. Non esiste una regola precisa da questo punto di vista. Tutto dipende anche dal fatto che potrebbe essere necessario lasciare più foglie.

C’è una regola però che deve essere seguita nella potatura dei peperoni e che consiste nel cercare di equilibrare il carico di frutti e le superfici delle foglie. Se non si bada a fare attenzione allo squilibrio tra parti verdi e parti produttive, i fiori che nascono non danno frutti, ma tendono a cadere.

Le foglie hanno una parte importante nella pianta dei peperoni, perché servono anche a proteggere i frutti dai raggi eccessivi del sole. Se le foglie sono poche e se l’umidità non è abbastanza sufficiente, spesso le piante possono marcire al loro apice.

Il sostentamento nella potatura dei peperoni

Quando si esegue la potatura dei peperoni è importante tenere conto del fatto che la pianta richiede di essere sostenuta con dei tutori che vanno applicati ai vari rami. È soltanto in questo modo che la pianta può evitare di piegarsi e può supportare il peso dei frutti.

I sostegni servono anche a proteggere il fusto dalle vibrazioni provocate in seguito alla fase della potatura oppure da interventi specifici di manutenzione.

Il terreno adatto per la coltivazione dei peperoni

Abbiamo detto che il peperone è una pianta che ha bisogno di ambienti umidi. Questo non vuol dire, però, che ci debbano essere dei ristagni idrici. Quindi il terreno deve essere ben lavorato in modo che non ci siano ristagni idrici. Possiamo utilizzare una vanga per smuovere il terreno in profondità.

La semina dei peperoni

Dopo aver provveduto alla concimazione del terreno, a partire dal mese di marzo si possono cominciare a seminare le piantine. È importante da questo punto di vista però che la semina avvenga in un luogo molto luminoso. Sarebbero ideali le condizioni di temperatura che non scenda mai al di sotto dei 12 gradi.

Si può adottare la tecnica della semina in vasetti. A questo scopo ci possiamo procurare dei contenitori del diametro di circa 10 centimetri, all’interno dei quali mettere della terra soffice. In ogni vasetto mettiamo 2 o 3 semini, mantenendo il terriccio umido.

Sistemiamo i vasetti in una posizione soleggiata. Teniamoli al sole anche dopo che le piante sono germinate. Quando le piante raggiungono l’altezza di circa 5 centimetri, eliminiamo i germogli più fragili, lasciando una sola piantina per vaso.

Il trapianto dei peperoni nell’orto

Per trapiantare le piantine di peperoni nell’orto e iniziare quindi la coltivazione vera e propria, bisogna aspettare che ci siano le condizioni ideali a livello climatico. Infatti dobbiamo aspettare che finisca il periodo delle brine e la temperatura al di notte non dovrebbe scendere al di sotto dei 13 gradi.

A questo punto si possono trapiantare le piantine nel terreno. Ma a quale distanza mettere una piantina di peperoni dall’altra? Come abbiamo detto per la potatura dei peperoni, è fondamentale sempre cercare di mantenere un certo equilibrio.

Infatti le piante, una volta cresciute, non devono farsi ombra a vicenda. Lasciamo in genere 50-60 centimetri tra due piante e ogni fila dovrebbe essere distante dall’altra di circa 80 centimetri.

Quando raccogliere i peperoni

Per il peperone potatura molto attenta, quindi, se vogliamo raccogliere buoni frutti da queste piante. I peperoni devono essere raccolti quando raggiungono il culmine della loro maturazione, per poter essere assaporati in maniera completa.

Non ci sono tempi univoci perché i peperoni possano giungere a maturazione. Infatti il processo di maturazione completa dipende anche dalla varietà delle piante. In genere i primi frutti vanno raccolti dopo un periodo di circa 70-90 giorni da quando il peperone da verde inizia a diventare colorato o assume un aspetto più lucido.

Quando raccogliamo i peperoni, ricordiamoci sempre di tagliare il picciolo con una forbice. Non agiamo imprudentemente strappando il frutto dalla pianta, perché il ramo a cui il peperone è attaccato si potrebbe anche rompere o comunque si potrebbe danneggiare.

Adottiamo tutte le strategie per la cura della pianta, compresa la potatura dei peperoni, che deve essere sempre portata avanti in maniera precisa, utilizzando gli attrezzi giusti e accuratamente puliti, per evitare di compromettere la corretta crescita della pianta stessa.