L’ortica è una pianta che può essere considerata infestante. Infatti spesso la vediamo crescere fra le nostre piantine che per esempio possiamo avere in giardino, sul terrazzo o sul balcone. In effetti può essere piuttosto fastidiosa da gestire. Se pensiamo a come eliminarla, il nostro pensiero va immediatamente ai prodotti di origine chimica, ma in realtà esistono tanti modi naturali per rimuovere l’ortica e tra l’altro è importante pure poterla riutilizzare in qualche modo.

Come rimuovere l’ortica tra le piante

Esistono tante soluzioni che possiamo considerare green per rimuovere l’ortica. Per esempio un primo metodo consiste nell’utilizzare la calce da giardino. Dobbiamo sapere infatti a questo riguardo che l’ortica di solito cresce più facilmente in un terreno acido rispetto in riferimento ad un terriccio alcalino. Aggiungendo la calce, viene modificato l’equilibrio chimico del terreno e quindi è più facile poi eliminare le ortiche.

Possiamo utilizzare la vanga, per scavare ed eliminare le radici di questa pianta, in modo che ne venga impedita la diffusione. Dovremmo essere attenti a compiere questa operazione almeno per due settimane.

Come riutilizzare l’ortica

Per chi sa come riutilizzarla, l’ortica si rivela una pianta dai numerosi benefici. È infatti spesso utilizzata molto in erboristeria. Contiene potassio, ferro, fosforo, vitamina C e vitamina A.

È ricca di oligoelementi e per questo può essere considerata una pianta capace di avere proprietà remineralizzanti, molto importanti per chi soffre di reumatismi.

Si può riutilizzare anche come fertilizzante per le piante, visto che contiene in abbondanti quantità magnesio, ferro e azoto.