È morto Ozzie, quello che era considerato il gorilla più vecchio del mondo. Si è spento in Georgia, negli Stati Uniti, all’età di 61 anni. A comunicare la notizia sono stati i responsabili dello zoo di Atlanta, dove l’animale viveva dal 1988. Anche la CNN ha parlato della morte di Ozzie.

Perché è morto Ozzie

Ancora non sono state rese note le cause della morte di Ozzie. Si sa però che da poco tempo era venuta a mancare la sua compagna di habitat. Si trattava di Choomba, che negli ultimi tempi si era ammalata e la sua salute era peggiorata irrimediabilmente. La gorilla di cui stiamo parlando aveva 59 anni e viveva insieme ad Ozzie da più di 15 anni.

Sicuramente il gorilla Ozzie è stato definito come una vera e propria leggenda, non soltanto perché era il gorilla maschio più anziano del mondo, ma anche perché era l’unico esemplare rimasto in vita quando la prima generazione di gorilla era arrivata ad Atlanta in seguito all’apertura della Ford African Rain Forest.

Ozzie aveva contratto il coronavirus

Nel corso del mese di settembre Ozzie era stato contagiato dal Covid 19. Probabilmente all’origine del contagio è stato possibile individuare un custode dello zoo. Comunque Ozzie non era stato l’unico esemplare ad essere contagiato dal coronavirus, perché anche in altri 12 gorilla era stata riscontrata l’infezione.

Gli operatori avevano proceduto a vaccinare il gorilla contro il virus. Nelle ultime ore Ozzie è stato curato perché presentava diversi sintomi preoccupanti, tra cui per esempio gonfiore della faccia, debolezza e incapacità di mangiare, come hanno spiegato i responsabili dello zoo attraverso un apposito comunicato.