La NASA annuncia una missione spaziale molto interessante, che ha l’obiettivo, all’interno del programma Discovery, di tornare sul pianeta Venere. In dettaglio la missione non sarà una, visto che l’intenzione è quella di mettere a punto due “viaggi”, che dovrebbero portare su Venere. Infatti gli scienziati parlano di due missioni gemelle. L’obiettivo è quello di riuscire a capire come è diventato il pianeta Venere nel corso del tempo.

Come è diventato Venere dopo 30 anni

Gli esperti rivelano che adesso sono più di 30 anni che l’uomo non ha visitato Venere con delle spedizioni specifiche. Perciò l’intenzione sarebbe quella di capire come è diventato dopo tutto questo tempo. Secondo dei dati in possesso degli scienziati, Venere sarebbe diventato un vero e proprio “pianeta infernale“.

La sua superficie sarebbe estremamente calda, così calda da fondere perfino il piombo. Secondo l’amministratore della NASA, la missione su Venere sarebbe molto importante, perché ci permetterebbe di studiare un pianeta dalle caratteristiche interessanti, per capire anche fino in fondo come si è evoluto l’universo e in particolare la Terra.

Che cosa si studierà su Venere

Gli scienziati nel corso delle missioni della NASA dovrebbero studiare l’atmosfera del pianeta. Quest’ultima dovrebbe essere formata da una nebbia di biossido di carbonio e da nuvole di acido solforico.

Ci sarà anche un veicolo spaziale apposito che avrà il compito di effettuare una mappatura della superficie di Venere, per mostrare dei dati che consentiranno di ricostruire l’evoluzione geologica del pianeta.

Si pensa che un tempo questo pianeta poteva godere di un clima temperato e ricoperto di oceani molto simili alla Terra, anche per dimensioni e massa.