L’inquinamento luminoso ostacola la visione stellata del cielo notturno secondo un censimento portato avanti nel Regno Unito.

Il 57 per cento degli astronomi ha faticato a vedere più di 10 stelle, mentre solo il 2% degli inglesi ha affermato di aver sperimentato “cieli veramente bui” che hanno consentito loro di non vedere nulla dello spettacolo astronomico presente nel cielo.

Inquinamento nel cielo: la ricerca

Le persone nelle città e nelle campagne sono state incoraggiate a contare quante stelle potevano vedere ad occhio nudo nella costellazione di Orione, che è visibile solo nei mesi invernali.

Gli attivisti hanno detto che i risultati del conteggio delle stelle, supportato dalla British Astronomical Association, hanno dimostrato il problema dell’inquinamento luminoso e di come ha influenzato uno dei luoghi più magici della campagna. È apparso solo un cielo notturno scuro e poco stellato.

I risultati della ricerca per mappare i cieli notturni inglesi hanno suggerito che il governo, i consigli locali e il pubblico in generale dovrebbero impegnarsi di più per ridurre gli effetti negativi della luce artificiale dalle strade e dagli edifici.

La parola degli esperti

Emma Marrington, attivista dei cieli oscuri al CPRE, ha dichiarato: “Senza intervento, il nostro cielo notturno continuerà a perdersi sotto un velo di luce artificiale, a scapito della nostra salute e della salute del mondo naturale”.

I risultati del conteggio delle stelle mostrano quanto si possa vedere il bagliore dei lampioni e degli edifici. La luce non rispetta i confini. E l’uso incauto può vederlo diffuso per chilometri da città, imprese e autostrade.

Il CPRE ha detto che l’evento per contare le stelle, che si è svolto per le prime tre settimane di febbraio, ha coinvolto 2.300 persone.