I cambiamenti climatici rappresentano un vero e proprio pericolo per i ghiacciai alpini. Uno studio internazionale a cui ha partecipato l’ICTP di Trieste, alla luce di un progetto finanziato dall’Unione Europea, ha messo in evidenza che entro il secolo si potrebbe avere, a queste condizioni, la perdita del 92% dei ghiacciai delle Alpi. I risultati della ricerca sono stati pubblicati sulla rivista Climate Dynamics.

Come è stata svolta la ricerca sui ghiacciai alpini

I ricercatori hanno creato un modello di ghiacciai alpini per studiare gli effetti che i cambiamenti climatici potrebbero portare entro la fine di questo secolo. Hanno visto in particolare le condizioni in cui i ghiacciai sarebbero in equilibrio.

Hanno considerato diversi fattori ambientali e del clima, per vedere quale situazione permetterebbe la permanenza della stabilità degli stessi ghiacciai. L’obiettivo è stato quello di fare delle previsioni dettagliate che potrebbero evidenziare un collegamento tra i cambiamenti climatici e lo scioglimento dei ghiacciai.

Quali sono stati i risultati della ricerca

Gli autori dello studio sostengono che è in corso un vero e proprio allarme che interesserebbe in particolare i ghiacciai delle Alpi europee. Queste masse di ghiaccio potrebbero sparire quasi completamente entro la fine di questo secolo, se non si invertono le attuali tendenze concentrate sui mutamenti climatici dagli effetti molto negativi.

In corrispondenza di un aumento generalizzato di gas serra nell’atmosfera, anche le previsioni più ottimistiche fanno temere per le sorti dei ghiacciai alpini. Gli studiosi sono convinti di come le previsioni indichino con certezza la scomparsa dei ghiacciai delle Alpi europee in corrispondenza di un inquinamento sempre più veloce.