Gli studenti delle scuole di tutto il mondo hanno scioperato per chiedere azioni sul cambiamento climatico.

Gli organizzatori prevedono che oltre un milione di giovani si siano uniti alle proteste in almeno 110 paesi venerdì. Chiedono ai politici e alle imprese di agire con urgenza per rallentare il riscaldamento globale.

Gli scioperi da Greta Thunberg

Gli scioperi sono ispirati alla studentessa Greta Thunberg, ormai figura di spicco a livello mondiale da quando ha protestato fuori dal parlamento svedese nel 2018.

Portando un segnale di “sciopero scolastico per il cambiamento climatico”, l’allora 15enne ha detto che si rifiutava di frequentare le lezioni fino a quando i politici svedesi non hanno agito.

La protesta solista ha portato a diversi movimenti in Europa, Stati Uniti e Australia, conosciuti come venerdì per il futuro o School Strike for Climate.

L’ultima protesta internazionale coordinata si è svolta il 15 marzo, con circa 1,6 milioni di studenti provenienti da 125 paesi che hanno abbandonato la scuola, Italia compresa.

Gli studenti protestanti hanno promesso di continuare a boicottare le lezioni il venerdì fino a quando i loro paesi aderiranno all’accordo sul clima di Parigi del 2015. Un accordo, che mira a impedire che le temperature globali aumentino di 1,5 ° C rispetto ai livelli preindustriali.

Un movimento globale

Quando i paesi di tutto il mondo hanno capito del grave problema, l’azione ha iniziato a coinvolgere tutto. Gli scioperi sono stati organizzati in nazioni asiatiche tra cui India, Afghanistan, Tailandia e Giappone.

In Europa, dove il movimento ha iniziato a diffondersi, le immagini di scioperi di massa sono state condivise sui social media

In una lettera aperta pubblicata nella Süddeutsche Zeitung tedesca alla vigilia dello sciopero di venerdì, Greta Thunberg e la famosa attivista climatica tedesca Luisa Neubauer, di 22 anni, hanno invitato le generazioni più anziane a partecipare all’azione a settembre.

Questo è un compito per tutta l’umanità: noi giovani possiamo contribuire a una lotta più grande, e questo può fare una grande differenza, ma funziona solo se la nostra azione è intesa come una chiamata”, hanno scritto.

Questo è il nostro invito: venerdì 20 settembre inizieremo una settimana d’azione per il clima con uno sciopero mondiale. Ti chiediamo di unirti a noi … unisciti al giorno con i tuoi vicini, colleghi, amici e famiglie per ascoltare le nostre voci e fanno di questo un punto di svolta nella storia “.