È stato approvata alla Commissione Ambiente in Senato quella norma che viene indicata come Ddl Salvamare. Adesso si attende la calendarizzazione in aula per questa legge che è considerata da più parti molto importante per la salvaguardia delle acque marine e delle specie che in esse abitano. In particolare la senatrice Emma Pavanelli, che è membro della Commissione Ambiente del Senato, ha definito il Ddl Salvamare una norma epocale.

Che cosa prevede il Ddl Salvamare

Il disegno di legge noto con il nome di Ddl Salvamare è stato voluto anche dall’ex ministro dell’Ambiente Sergio Costa. Sarebbe fondamentale arrivare a trasformarlo in norma attuativa perché questa legge consentirebbe una gestione più adeguata dei rifiuti che vengono recuperati in mare sotto forma di plastica.

Fino ad ora i pescatori che recuperano la plastica in mare con le reti non hanno la possibilità di fare altro che rigettarla di nuovo nelle acque, perché secondo le leggi attuali portare a terra i rifiuti di plastica corrisponde ad un reato penale, che è quello di trasporto illegale di rifiuti.

Invece, se verrà approvato definitivamente il Ddl Salvamare, i pescatori potranno portare a terra la plastica recuperata e si avrà la possibilità di sottoporla ad un processo di riciclo.

Le dichiarazioni dei senatori della Commissione Ambiente

I senatori della Commissione Ambiente sono molto fiduciosi sul fatto che questa norma possa trovare consenso comune, anche perché è una norma necessaria che va a tutelare e a salvaguardare il mare e le specie marine.

Secondo i senatori, il provvedimento Salvamare potrebbe aprire ampie potenzialità nell’economia circolare.