L’inquinamento da plastica rappresenta una questione molto grave, che merita di essere affrontata in tutti i suoi dettagli, i quali non sono affatto da sottovalutare. In effetti la plastica è uno dei materiali più utilizzati nel nostro pianeta e rappresenta uno dei fattori che si configurano come cause più inquinanti della Terra. Sono soprattutto i rifiuti in plastica a destare molte preoccupazioni per il futuro green del pianeta. Ma sembra adesso che qualcosa si stia muovendo anche in ambito internazionale. Infatti dall’ONU arriva una decisione risolutiva.

Che cosa ha deciso l’ONU sull’inquinamento da plastica

L’Assemblea delle Nazioni Unite per l’ambiente ha stipulato con i rappresentanti di 175 nazioni un vero e proprio accordo che sarà vincolante entro il 2024. L’obiettivo è quello di ridurre il più possibile o addirittura di arrivare ad una vera e propria fine dell’inquinamento dettato dalle materie plastiche.

Il programma ambiente dell’ONU è molto specifico da questo punto di vista, perché non trascura tutti i particolari che sono legati a questa forma di inquinamento. Infatti nell’accordo che le Nazioni Unite dovrebbero raggiungere, perché entri in vigore in maniera ufficiale, vengono affrontate molte questioni che riguardano il ciclo di vita della plastica, particolari che comprendono anche la produzione dei materiali, la loro progettazione e, infine, il loro smaltimento, affinché questo avvenga nella maniera più corretta.

Le dichiarazioni del ministro norvegese sul clima e sull’ambiente

Espen Barth Eide, presidente dell’Unea-5 e ministro norvegese per il clima e l’ambiente, ha sottolineato l’importanza e l’impegno dell’Assemblea delle Nazioni Unite, per intraprendere un vero e proprio programma che vuole risolvere la questione nell’ambito di una significativa cooperazione multilaterale.