Si sente parlare spesso di certificazione energetica, nell’ambito delle caratteristiche che contraddistinguono un immobile dal punto di vista proprio dei consumi energetici. Ma di che cosa si tratta nello specifico? L’APE è un documento molto importante, un attestato che dimostra quali sono i consumi energetici di un determinato edificio e cosa fare per mettere in atto degli interventi precisi con l’obiettivo di migliorare le prestazioni dell’immobile. Tutti dovremmo essere a conoscenza dell’importanza della certificazione energetica, che è obbligatoria in molte situazioni e che deve essere effettuata da un tecnico abilitato.

Cos’è e a cosa serve l’attestato di prestazione energetica

L’obiettivo della certificazione energetica è proprio quello di rendere noti i consumi energetici di uno specifico immobile, oltre che di informare sul valore di un edificio che presenta le caratteristiche di un’elevata efficienza dal punto di vista energetico. Su questo argomento è possibile trovare tante informazioni utili sul sito www.certificazioneenergeticafacile.it, un servizio attraverso il quale è possibile ricevere un supporto professionale e sicuro.

Il documento di certificazione energetica messo a punto da un certificatore abilitato ha l’obiettivo di fornire anche dei suggerimenti tecnici con lo scopo di migliorare l’efficienza energetica dell’immobile di riferimento. Per tutti gli interventi vengono indicati la classe energetica che è possibile raggiungere.

Ma andiamo più nel dettaglio e scopriamo cos’è precisamente un attestato di prestazione energetica e quando serve. Partiamo proprio dalla definizione: l’APE è un documento all’interno del quale vengono indicate le prestazioni energetiche dell’edificio, tenendo conto di determinati indicatori che si trovano in una scala che parte dalla classe A4 e arriva alla G.

Si tratta di un documento che viene indicato come obbligatorio dalle normative in vigore e che stabilisce il grado di efficienza energetica di una casa. Di solito viene rilasciato quando si affitta o si acquista un immobile e nella gran parte dei casi ha una validità corrispondente a dieci anni.

Come viene rilasciato l’APE

Il rilascio del documento che dimostra la certificazione energetica di un edificio è un’operazione complessa e per questo motivo, per ottenere un documento di questo tipo, è fondamentale rivolgersi a dei professionisti esperti del settore, che possano effettuare una vera e propria analisi dal punto di vista energetico della casa.

Il certificatore valuterà in particolare alcuni aspetti fondamentali, come le caratteristiche geometriche dell’appartamento, le peculiarità che contraddistinguono le murature e gli infissi, gli impianti per la produzione di acqua calda in casa, quelli per il riscaldamento e per il raffrescamento. Inoltre viene valutata l’eventuale presenza di metodi per produrre energia rinnovabile.

Dopo l’analisi dell’edificio, il certificatore mette a punto una vera e propria targa energetica, che consente di avere un quadro chiaro delle caratteristiche che riguardano l’edificio. L’APE in particolare deve essere conservato correttamente, insieme alla documentazione che riguarda il libretto della caldaia presente in casa.

Quando serve l’attestato di prestazione energetica

Le norme di legge stabiliscono l’obbligo di avere a disposizione un attestato di prestazione energetica, che possa costituire una certificazione energetica dell’edificio, in alcune situazioni specifiche.

Innanzitutto è un documento obbligatorio dal 2009 per le compravendite degli immobili. Le norme stabiliscono inoltre l’obbligo del certificato dal 2010 per quanto riguarda le locazioni. L’obbligo è previsto nel caso della messa in atto di atti di compravendita dal notaio, nel caso di contratti di affitto, per l’accesso alle detrazioni fiscali che vengono fornite in caso di interventi con l’obiettivo di migliorare l’efficienza energetica dell’immobile.

È previsto l’obbligo del certificato in questione anche nel momento in cui si pubblicizza un annuncio immobiliare o quando si vuole accedere agli incentivi da parte dello Stato per l’energia che viene prodotta da impianti solari fotovoltaici. Per tutti questi motivi è sempre fondamentale il supporto di tecnici specializzati, che possano fornire gli adeguati strumenti per saperne di più sulla certificazione energetica.