I tulipani sono meravigliosi fiori di lunga durata che possono essere coltivati molto facilmente ​​nel proprio giardino. Dopo la stagione della fioritura, i bulbi dei tulipani possono essere conservati con cura e reimpiantati l’autunno successivo durante la stagione della fioritura. Ecco quando piantarli e come conservarli.

Il trattamento dei bulbi di tulipani

I tulipani, sebbene classificati come piante perenni, devono essere trattati come annuali. Hanno bisogno di terreno ben drenato e per migliorare il drenaggio, si può aggiungere sabbia e compost al terreno.

Una volta che il fogliame è morto, i bulbi dei tulipani devono essere scavati e conservati in un’area fresca. Quindi, devono essere ripiantati in autunno. Conservare i bulbi di tulipano è un ottimo modo per mantenerli in fiore per gli anni a venire. Una volta che i tulipani hanno finito di fiorire, iniziano a ricaricarsi per la successiva stagione di fioritura e iniziano a immagazzinare energia. Dopo che il processo di ricarica è terminato, essi rimangono dormienti e aspettano di fiorire di nuovo nella prossima stagione.

Come conservare i bulbi di tulipano per la piantagione autunnale?

Conservare i bulbi di tulipani è un compito semplice, ma deve essere fatto con attenzione, in modo che siano pronti per essere piantati in autunno. Esistono diversi modi in cui è possibile memorizzarli.
Il primo è lo stoccaggio a terra.

Dal momento che i bulbi di tulipano sono abbastanza resistenti, possono essere facilmente conservati nel terreno. In effetti, il loro assorbimento nel terreno è il modo più semplice e più pigro per conservare questi bulbi. Tuttavia, se questi si congelano nel terreno, a causa del clima, saranno inutilizzabili.

Conservazione dei bulbi fuori il terreno

Conservarli al di fuori del terreno è la scelta più frequente. Le persone che intendono immagazzinare i bulbi di tulipano dovrebbero aspettare che il fogliame del tulipano diventi giallo. L’ingiallimento implica il completamento dell’assorbimento di energia per la stagione di fioritura dell’anno successivo.

Se i bulbi vengono rimossi precocemente, non avranno abbastanza forza per crescere nella stagione successiva. Viceversa una volta che il colore giallo è palese, si può tranquillamente rimuovere il bulbo da terra. Per evitare la decomposizione di quest’ultimo, pulire lo sporco e i detriti dal suo interno. Quindi, lavare i bulbi e lasciare asciugarli al sole per una settimana.

Uno strato di vermiculite, sabbia asciutta o muschio di torba deve essere sparso sul fondo di un vassoio o vaso piatto senza coperchio. In questo contenitore asciutto, i bulbi devono essere sistemati ordinatamente, assicurando al contempo che ognuno di essi sia coperto dalla miscela di muschio di torba di sabbia. Per conservarli poi separatamente, si potrebbe usare un cartone di polistirolo o tenerli in scomparti di una scatola di cartone. La miscela di muschio e sabbia di torba deve lasciare libero solo un poco di spazio per la circolazione dell’aria.

Tenere i bulbi al buio e al fresco

Dopo il confezionamento, il passo successivo è quello di mantenere i tulipani in una zona fresca, buia e ben ventilata. Luoghi umidi possono causare la putrefazione degli stessi. Sebbene l’umidità produca marciumi, mantenere i bulbi in luoghi asciutti può essere comunque controproducente. Pertanto, il luogo prescelto dovrebbe idealmente avere un’umidità media, con temperature non superiori a 23 gradi.

Prendersi cura dei tulipani in modo facile e veloce

Seguendo queste semplici linee guida ci si può preparare a piantare per poi raccogliere bei tulipani in primavera. Prendersi cura di questi fiori non è difficile e un’adeguata accortezza permetterà alle aiuole di avere dei fiori gloriosi.

I bulbi danneggiati possono recuperarsi, tuttavia, è consigliabile conservare quelli non sani separatamente dai buoni, in modo da garantire la sicurezza di questi ultimi. Non bisogna dimenticare infine di ripiantarli poi durante la stagione autunnale per consentire la crescita dei nostri fiori preferiti in piena primavera.